REGOLE DEL BURRACO- Accoppiamenti e canaste

Accoppiamenti

Al burraco gli accoppiamenti, con un minimo di tre carte, si possono fare in due modi diversi:

  • Carte insequenza scalare con lo stesso seme
  • Carte dello stesso valore facciale di semi diversi o uguali (doppioni)

Il numero di carte di cui dispone il partecipante varia continuamente; all'assegnazione si hanno 11 carte, poi questo numero può aumentare o diminuire, fino a ridursi a zero.

Canasta

Insieme di carte accoppiate in sequenza scalare dello stesso seme o dello stesso valore facciale di semi diversi o uguali.

Ogni canasta, al più può contenere un solo jolly o una sola pinella. Se si occupa la sede naturale del suo seme, e solo in questo caso, la canasta può contenere anche un jolly o una seconda pinella. Le canaste possono essere di tre tipologie:

  1. Canasta pura;
  2. Canasta spuria;
  3. Canasta incompleta.

La canasta pura è formata da un minimo di sette carte in sequenza scalare dello stesso seme o dello stesso valore faccialedi semi anche uguali. La canasta pura non può contenere jolly o pinelle, ovviamente quest'ultima potrà sempre occupare la sede naturale del suo seme.

La canasta spuria si differenzia da quella pura perchè tra gli elementi che la compongono vi è un jolly o una pinella.

La canasta incompleta è costituita come le prime due, anche con la presenza di jolly o pinelle ma con un numero di carte compreso tra tre e sei.

Vale la pena sottolineare che una canastaspuria si può tasformare in pura se la pinella, surrogata, si sposta nella sua sede naturale. Quest'ultima considerazione suggerisce di mettere insieme, quando possibile, pinella e accoppiamenti scalari dello stesso seme; rimane aperta la speranza di trasformare in pura una canasta nata spuria. La canasta pura si chiama burraco da 200 punti; quella spuria burraco da 100 punti.

A scelta del giocatore è possibile spostare il jolly o la pinella da un estremo all'altro dalla canasta; quest'operazione è lecita anche se originariamente la pinella o il jolly stava all'interno della canasta e poi successivamente portato all'estremo.

Nella pratica di gioco il burraco semplice, quello da 100 punti è il più ricorrente; l'altro da 200 punti, chiamato puro, è più difficile da farsi.

Per iniziare una canasta sono necessarie almeno tre carte accoppiate a terzetto o a sequenza scalare anche con l'ausilio di un jolly o una pinella; in seguito per l'accresimento, basta anche una sola carta che sia coerente con le altre. Non vi è nessuna limitazione nel numero delle canaste aperte contemporaneamente da ogni coppia. Gli appoggi alle carte della vetrina sono consentiti solosulle canaste della coppia d'apparteneza. Non è consentito prendere carte dalle canaste messe a terra; solo le pinelle e i jolly, come si vedrà meglio in seguito, possono essere surrogati con la carta che sostituiscono e spostati alll'inizio o alla fine della stessa canasta. La buona riuscita di una mano dipende dall'abilità, dal caso ma anche dall'intesa tra i due giocatori della coppia.